Skip to content

THE TIME MACHINE

Theatre in English – di Graham Spicer

Compagnia “Arcadia Productions”

03 Dicembre 2013, ore 10

Testo e Regia di Graham Spicer

Scene e Costumi di Carlo Orlandi

Luci di Roberto Finizio

Interpreti: Graham Spicer, Carlo Orlandi, Yvonne Worth

Classi interessate: scuola secondaria di 1° grado e biennio della scuola secondaria di 2° grado
Durata spettacolo: 2 atti di 50 minuti con intervallo
Ingresso: 9 Euro a ragazzo

Le eventuali repliche saranno programmate nei giorni successivi

NB: 1) Ai Docenti che prenoteranno per le loro classi verrà fornito tutto il materiale necessario per preparare i ragazzi ad assistere allo spettacolo teatrale ed il necessario per il lavoro successivo alla visione.

2) In base all’esperienza degli anni precedenti per questi spettacoli in lingua c’è sempre moltissima richiesta. Vi consigliamo quindi di prenotare rapidamente.

Lo spettacolo

The Time Machine (La macchina del tempo) racconta l’esaltante storia di un ragazzo e di un suo sogno. Lo spettacolo è ambientato a Londra e Albert, animato dalla curiosità, desidera scoprire quello che accadrà nel futuro. La sua immaginazione è stimolata da una bizzarra macchina costruita dall’eccentrico padre. Tutti pensano che si tratti di un esperimento fallito, ma Albert vuole dimostrare il contrario iniziando la sua avventura nel futuro.

Albert viaggia attraverso la Londra del Novecento, osservando le continue trasformazioni di usi e costumi del suo popolo: dal retropalcoscenico di un famoso Music Hall dove si trova uno dei primi grammofoni, al set dove si sta girando uno dei primi film sonori, ad una sala da ballo del dopoguerra, da un affollato Night Club degli anni ‘60 ad uno studio televisivo dove si sta registrando un quiz, sino alla preparazione di una sfilata di moda negli anni ‘90.

L’avventura di Albert si conclude alla vigilia di un nuovo millennio. A questo punto il viaggio finisce e ritorna al proprio tempo. Entusiasta ed emozionato racconta quello che ha visto e le esperienze vissute, proponendosi di farne tesoro per il suo futuro nella vita reale.

In The Time Machine sono usate tecniche multimediali, con filmati e immagini che illustrano momenti importanti, personaggi indimenticabili, e icone visive associate a un secolo di storia, non solo del popolo inglese, ma di tutti noi.

Così, anche il pubblico è trasportato in questo divertente, ma anche illuminante, viaggio. Un viaggio che ci permette di dare uno sguardo al cinema e al calcio, alla storia e alla moda, al teatro e alla televisione.

Temi e percorsi di lavoro

Cento anni di vita londinese visti grazie a una macchina che si ferma per osservare epoche diverse. Al pubblico viene offerto un grande aiuto visivo multimediale durante lo spettacolo grazie ai diversi stili di design, personaggi ed eventi storici in ogni fascia temporale. Registriamo le cose che restano nel tempo, quelle che cambiano, ed il linguaggio arricchitosi durante lo scorrere del tempo, da “gramophone” e “television” a “internet” ed “email”.

La Compagnia

La compagnia Arcadia Productions nasce nel 1994 e da subito si è proposta di mettere in scena unicamente spettacoli in lingua inglese. L’esclusività e l’originalità della compagnia è di proporre testi scritti appositamente per il giovane pubblico italiano, cercando di avvicinarsi alle sue esigenze pur rispettando i canoni teatrali nella loro più pura tradizione.

L’uso di danza, mimo e maschere, che dalle origini della tragedia greca sino alla commedia dell’arte sono le armi teatrali più efficaci, ci aiutano a coinvolgere i ragazzi.

Ogni stagione, per quasi tre mesi, la compagnia presenta i suoi spettacoli a Milano presso il Teatro San Carlo e il Teatro La Creta, ed in alcuni dei più famosi teatri storici come il Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Coccia di Novara, ed altri nelle più importanti città italiane.

Graham Spicer

Graham Spicer si è laureato in musica e fisica all’università di Keele in Inghilterra. I suoi primi lavori, come assistente alla regia, erano presso la Royal Opera House, Covent Garden.

A Londra, come regista, ha messo in scena la prima rappresentazione di Action Replay di Fay Weldon; la prima inglese di Reality And Dreams di Olga Kuchkina, (Critic’s Top Choice: The Sunday Times); Il Mondo Della Luna (Morley Opera); una galà per commemorare il celebre soprano Jenny Lind (Royal College of Music); Didone Ed Enea (Buckingham Palace); Hello Dolly!, Cole Porter Centenery e Stairway To The Stars (London Palladium); Nymph Errant (Theatre Royal, Drury Lane); Il sogno di una notte di mezza estate (Britten Opera Theatre); L’Alceste (Salle Garnier di Monte Carlo; Royal Opera House, Covent Garden); La Commedia Degli Errori, I Thought I Heard A Cuckoo e due commedie per ragazzi (tournée della Germania).

Graham ha diretto The Fairy Queen per la compagnia francese Les Arts Florissants (Barbican Centre a Londra, Lincoln Center di New York, Châtelet a Parigi, Festival di Salisburgo ecc.)

Come attore Graham ha lavorato dall’età di otto anni per televisione e publicità in Inghilterra. Era attore protagonista del Surrey Youth Theatre per 2 anni, e ha frequentato la Guildhall School of Music and Drama a Londra durante questo periodo di formazione. Dopo l’università ha lavorato principalmente come regista, con breve escursione come attore al Barbican Theatre, Greenwich Theatre e Offstage Donwstaits Theatre di Londra. Per Clean Sweep Theatre Productions ha fatto una lunga tournée in Italia come protagonista in La Commedia degli Errori, e dal 1994 ha fatto più di 2.000 rappresentazioni dei 9 titoli in repertorio di Arcadia Productions.

Graham ha lavorato anche come insegnante e esaminatore per la Guildhall School of Music and Drama di Londra, scrive articoli su alcune riviste Britanniche e per la Bbc.

Dal 1994 Graham ha lavorato in Italia come direttore con Carlo Orlandi della compagnia teatrale Arcadia Productions.

Carlo Orlandi

Carlo Orlandi ha studiato scenografia a Milano con Luisa Spinatelli e Tito Varisco alla Accademia di Belle Arti di Brera. Vince il primo premio nazionale di scenografia a Treviso dove ha realizzato gli allestimenti di Ernani, Il Trovatore e Lucia di Lammermoor.

Durante il corso di perfezionamento per giovani scenografi presso il Teatro alla Scala è stato assistente di Franco Zeffirelli per Cavalleria Rusticana e Pagliacci e di Giorgio Strehler per Falstaff.

Altre produzioni per il teatro d’opera includono Falstaff (Teatro Comunale di Alessandria); Faust e Don Carlo con Montserrat Caballé e José Carreras (Teatro Liceu di Barcellona); Manon Lescaut (i teatri comunali di Genova, Bari e Bologna); Rigoletto (Teatro Pergolesi di Jesi, Teatro Comunale di Savona); Il filosofo di compagnia (Piccolo Scala di Milano).

Carlo ha messo in scena inoltre spettacoli per il teatro di prosa, balletto e teatro per ragazzi tra cui Schiaccianoci, Il Salotto della Contessa Maffei, La Bottega Fantastica (Teatro Litta); La Commedia degli Errori (Clean Sweep di Londra), Il Flauto Magico e de I Racconti di Hoffmann (La Nuova Arcadia).

Dal 1994 è direttore con Graham Spicer della compagnia teatrale Arcadia Productions.